VUOI ASSISTENZA? CHIAMACI ORA: 800 344 211

Qual è la tecnica o il prodotto migliore per trattare le unghie onicofagiche?

Te lo voglio spiegare in questo video!

Intanto se non mi conosci io sono Roberta Giannetti, sono insegnante di ricostruzione unghie e aiuto le Onicotecniche a migliorare il proprio lavoro.

Parlando di onicofagia dobbiamo innanzitutto capire che ci sono diversi tipi e che vanno da situazioni molto gravi come ad esempio questa foto

e situazioni semi normali, nel senso che sono unghie molto piccole, ma con delle caratteristiche che rendono la ricostruzione più semplice.

Altri tipi di onicofagia che possono risultare ancora poco più facili, nel senso che abbiamo i solchi laterali che rimangono più aperti rispetto ad altri tipi, dove le unghie sono completamente ricoperte da una piega laterale estremamente gonfia.

E’ importante in ogni caso fare una distinzione tra:

  • Onicofagia
  • Onicotillomania

ONICOFAGIA

E’ un disturbo psicologico che porta la persona solamente a mordere le unghie.

ONICOTILLOMANIA

E’ un disturbo psicologico che però porta la persona non solo a mordere, ma anche a stuzzicare e tirare via la lamina dal letto ungueale.

Questa situazione è molto più seria rispetto alla semplice onicofagia, anche se in entrambi i casi parliamo di un tipo di impulso che a volte è molto difficile da fermare.

COME COMPORTARSI CON CLIENTI ONICOFAGICHE

Una premessa molto importante da fare alle clienti è il fatto che:

devono seguire i tuoi consigli, che vanno dalla lunghezza della ricostruzione in generale o anche al tipo di percorso che devono seguire insieme a te!

Quindi:

è importante che tu decida completamente quello che deve fare la cliente!

COME ESESGUIRE TRATTAMENTI CHE PORTANO AD AVERE RISULTATI

Ora vediamo in che modo ottenere questo risultato nel giro di 30 giorni!

Innanzitutto devi eseguire una corretta preparazione la preparazione dell’unghia naturale.

Come per ogni tipo di trattamento è il primo step che ha un’importanza vitale per la riuscita del trattamento.

Se la preparazione non è corretta non riuscirai a far aderire il prodotto alla lamina, ma soprattutto non riuscirai a scoprire bene i laterali dell’unghia naturale, che non solo sono coperti dalla cuticola ma molto spesso anche dalla pelle laterale.

la corretta preparazione dell’unghia naturale ti permetterà quindi di evitare di far spezzare la struttura a livello del margine libero.

Infatti questo, oltre al sollevamento del prodotto, è la problematica che succede più frequentemente in un allungamento per un onicofagica.

Infatti la problematica più grande di un’unghia onicofagica non è tanto il fatto che il letto ungueale sia molto corto, ma che ha una piega laterale molto gonfia, che va a coprire una parte fondamentale della struttura dell’unghia, che la rende molto forte che è il parallelismo.

Un modo per riuscire ad allungare un’unghia di questo tipo è quella di utilizzare la Tip, ovviamente dove è possibile, cioè quando la situazione non è estremamente grave!

La Tip corretta, applicata nel modo giusto, ti permetterà di avere una base sulla quale andare ad applicare il prodotto che non si spezzerà nel tempo!

Per andare a vedere il video in cui ti parlo dell’applicazione della tip e qual è la tip corretta vuoi andare su questo link:

Ricostruzione unghie con Tip! Ecco perché e quando farla… – YouTube

Il secondo punto molto importante sul quale devi andare a lavorare:

è andare a creare una copertura completa della lamina!

Questo ti è permesso solamente dopo che hai fatto un’ottima preparazione dell’unghia naturale.

La copertura completa della lamina aiuterà molto la cliente nella gestione delle proprie unghie nelle settimane successive all’allungamento.

Infatti l’onicofagia è un disturbo psicologico e molto spesso la cliente non si rende neanche conto che sta andando a stuzzicare l’unghia naturale!

Per evitare che la cliente si vada a toccare costantemente le unghie è importante non andare a creare degli scalini, magari nel laterale o nel giro cuticole o comunque avere delle sporgenze che possono darle fastidio.

Il terzo punto molto importante riguarda la scelta corretta del prodotto!

Se non vuoi applicare la tip ma vuoi andare direttamente con il prodotto sull’unghia naturale, la scelta del prodotto è fondamentale!

Il prodotto corretto da utilizzare è il Sistema Liquido e Polvere, cioè quello che comunemente viene chiamato Acrilico.

Grazie a questo materiale riuscirai ad eseguire un pinching corretto, che ti permette di scoprire bene i laterali e di fare una struttura corretta e resistente che non si andrà a spezzare pochi giorni.

Creare questo tipo di struttura con Gel o AcryGel non è assolutamente la stessa cosa.

Infatti possiamo paragonare l’ AcryGel più al Gel piuttosto che all’Acrilico, per una caratteristica molto importante che è fondamentale per questo tipo di struttura:

con l’AcryGel non riesci a fare il pincing esattamente come lo fai con l’Acrilico, perché con l’Acrilico riesce a modellare la struttura nel momento in cui si sta polimerizzando, mentre con l’AcryGel la polimerizzazione avviene totalmente all’interno della lampada e tu hai pochissimi secondi per riuscire a curvare l’unghia.

Ma in realtà non riuscirai comunque a pinzare nello stesso modo in cui fai con l’Acrilico.

CONSIGLI PER L’ONICOTECNICA

In casi di onicofagia ricordo sempre, dove possibile, di utilizzare la Tip.

Applicare un prodotto che sia Gel o Acrilico direttamente sulla pelle potrebbe causare delle allergie a lungo termine.

Per cui la classica tecnica a ponte, dove vai direttamente ad applicare il prodotto non polimerizzato sulla pelle potrebbe essere una tecnica molto rischiosa.

Dico questo perché in condizioni di pelle non lesionata i prodotti non polimerizzati a contatto con la pelle, a lungo termine, possono portare sensibilizzazioni.

Questo processo su un tipo di tessuto lesionato, come può essere un unghia di un onicofagica, può essere velocizzato.

CONSIGLI DA DARE ALLE CLIENTI

I consigli da dare alla cliente sono quelli di applicare tutti i giorni olio per cuticole e tornare assolutamente prima delle tre settimane!

L’unghia dell’onicofagica avrà una ricrescita velocizzata, almeno per i primi venti giorni di copertura!

Ti ricordo di andare a studiare all’interno del Blog Professione Onicotecnica e continuare a seguire il nostro canale per i prossimi video.

Ci vediamo alla prossima e buona formazione